Sono una miscredente

Io sono una miscredente, mi si dice… eppure io credo.

Credo nel colore, fatto di una sola luce e delle luci fatte di colori che diffondono verdi su cieli opachi; credo nella stasi di un attimo inesistente, negli aghi dei pini, perfetti e dipinti da mani invisibili e nelle crune sottili come filamenti di stami, e levigate come semi dispersi nell’acqua.

Credo nella riservatezza e nell’insonne bellezza delle rose canine.

Credo nella parsimonia, nell’elargizione della giusta misura, nel ritmo silenzioso e ondulato dei refoli di vento a quote inarrivabili.

Credo nel colore di una piuma e nello sfumare sottile di un occhio che s’illumina fra un frammento di cielo e la coltre verde di un sipario denso di profumi.

Credo nel distacco, nell’indifferenza che mi salva l’animo e l’umore; credo nel saper non sentire, per sentire tutto e ancora più forte.

Credo nella terra asciutta, negli scalini che accolgono il passo, fatti di radice, zolla, muschio, profumo e acredine.

Credo nella forma sinuosa degli anfratti sotto corteccia, nelle caverne millimetriche e nelle tane ad umidità costante.

Credo nel movimento invisibile di microscopici disegni; credo nella ritrosia dei felini, nella bontà dei canidi, nella ferocia di chi si nutre di ciò che sa essere il suo unico pasto.

Credo nella Morte e della Morte venero la Vita.

Credo nelle stelle che non conosco, che sono infinite e credo nel mio infinito non conoscere.

Credo nel buio, nel canto delle civette, nel volo silenzioso dei rapaci notturni e nelle evoluzioni spettacolari dei balestrucci nell’ora del crepuscolo.

Credo nella terra che calpesto, nell’erba tagliente che mi scivola sotto i palmi quando la via è irta e credo nella fatica, nel ritmo del mio respiro e nella stagione oscura, come credo nella stagione della luce.

Credo nell’aria profumata dopo la pioggia, nei raggi sfumati che filtrano fra le coltri d’arcobaleni.

Credo nel mio non saper dire e nell’accumulo di variabili fantastiche fra le sinapsi della mia mente; credo nella mente e nelle ragnatele sottili che mi legano al mondo.

Credo in ciò che amo e che so vedere e poi credo soprattutto in ciò che non vedo e che fin troppo riesco a sentire.

Credo nel silenzio, nella solitudine perfetta, nella storia non scritta e in quella mai detta.

Credo nell’anima del tutto che aleggia nell’esperienza ancestrale del mondo.

Credo nel limite e nel confine fra ciò in cui credo e ciò che non conosco e credo di essere felice di poterlo e volerlo ancora cercare.

Oggi credo così e credo che domani crederò in modo diverso, perché credo nel diritto di ragionare, di cambiare parere e di raccontarmela e di vivermela come mi pare.

E.G.

28 pensieri su “Sono una miscredente

        1. In realtà quando ho scritto questo pezzo ero un tantino contrariata da certi atteggiamenti poco limpidi e parecchio ipocriti, lo confesso. Forse le sfumature sono fin troppo sfumate, forse avrei voluto essere più esplicita, ma qualche cosa mi ha frenato… probabilmente la volontà di non cadere nell’osceno… o nell’insulto fine a se stesso. Forse ho fatto bene a ripiegare su sensazioni meno astiose… l’alternativa sarebbe stata un pezzo troppo g-rap perché risultasse credibile… forse.

          Piace a 1 persona

        1. MI fa piacere. 🙂 Nella mia cerchia famigliare, il fatto che io sia una “miscredente”, come dicono loro, è stato uno dei motivi di allontanamento. 😀 Adesso ci rido su, ma all’epoca, quando ero poco più che una ragazzina, ci rimasi molto male per il fatto che non capissero. Negli anni ho capito che non è un fattore poi così importante e che ciò in cui credo è vero solo se me lo scelgo io, di volta in volta. Io so che cosa mi piace e so a cosa credo. Il fatto che tu capisca, ti rende molto simpatica ai miei occhi 😀

          "Mi piace"

          1. Anche nella mia famiglia. Ho copiato e incollato il tuo articolo sul mio diario per andarmelo a rileggere….è una lunga poesia meravigliosa, un inno all’amore per la vita. Che è ciò in cui credo, la volontà di volere. Amarsi e amare la vita, nelle piccole cose.Ti sono simpatica? Anche tu, molto!! Grazie….davvero.

            Piace a 1 persona

          2. Sono poco espansiva in termini di apprezzamenti, di solito. Non volermene. Io scrivo quello che penso, come lo penso. Esattamente come parlo. Questo per dirti che il mio apprezzamento è sincero. Sinceramente lusingata anche del fatto che un mio pezzo si trovi nel tuo diario. Grazie.

            "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...