Dopo un anno, ritorno a scrivere

Non mi ero resa conto che fosse passato tutto questo tempo!!! Un anno, anzi, di più… dall’ultima volta che ho pubblicato su questo blog, intendo dire.

Penso che quando si ha qualcosa da dire valga la pena condividere, ma penso anche che quando non si riesce a trovare la concentrazione sufficiente per poter condividere con la dovuta dedizione e attenzione, allora forse è meglio lasciar perdere. E’ una questione di rispetto nei confronti di chi mi segue e ha la pazienza (è proprio il caso di dirlo) di decifrare i miei scritti.

E chissà se c’è ancora qualcuno che avrà la pazienza di seguirmi e di decifrare le mie esternazioni… chissà…

Ho rimandato fino ad ora, pensando che sarebbero arrivati tempi più sereni e tranquilli che mi avrebbero permesso di concentrarmi meglio dedicandomi come vorrei a questo progetto, ma così non è stato. Il momento burrascoso pare si debba protrarre ancora per un bel po’ di mesi e così ho pensato che se aspettavo ancora per riprendere in mano quel che un anno fa avevo cominciato, il momento giusto in realtà non si sarebbe ripresentato proprio più, o comunque sarei andata troppo in là nel tempo per dargli un senso di continuità.

E così eccomi qui, a riprendere il filo, o quantomeno a cercare di provarci. E non è facile… non essere noiosa e scontata, intendo. Non lo è mai, ma lo è ancora meno quando si è tanto arrugginiti come lo sono io ora. Mi scuso con quanti capiteranno qui, per caso o per vecchi contatti mantenuti e si ritroveranno questa tiritera.

Ma in definitiva, volevo solo dire che mi piace l’idea di rimettermi un po’ alla tastiera sperando sinceramente che ne esca qualcosa di buono, nonostante me e nonostante tutto.